Pensi che la tua scrivania sia pulita? Forse ti sbagli.

Pensi che la tua scrivania sia pulita? Forse ti sbagli.

Cosa si annida tra gli oggetti che quotidianamente tocchiamo in ufficio? Ce lo svela una ricerca di Coffee Break Viking

Qualche tempo fa avevamo trattato il tema degli oggetti di uso comune più sporchi in assoluto, oggi vogliamo mostrarvi cosa si cela sui piani di lavoro nell’ambiente lavorativo grazie ad un esperimento effettuato da Coffee Break Viking all’interno del proprio ufficio. Il risultato vi lascerà increduli e cambierete immediatamente idea nel caso in cui pensiate sul serio che la vostra scrivania sia pulita.

Il metodo utilizzato per esaminare gli oggetti

Con l’ausilio di alcuni tecnici di laboratorio, sono stati effettuati diversi tamponi su differenti superfici e oggetti presenti nelle aree comuni dell’ufficio. In particolare, sono stati presi in esame:

  • Scrivania
  • Tastiera del pc
  • Fotocopiatrice
  • Mouse non pulito VS Mouse igienizzato con prodotti generici
  • Maniglia della porta
  • Bollitore dell’acqua
  • Cornetta del telefono
  • Matite e penne masticate

I risultati del test

Dai campioni prelevati sono emersi una gran quantità di batteri e funghi su tutte le superfici esaminate, ad eccezione del mouse igienizzato. Gli oggetti più sporchi sono stati: scrivania, fotocopiatrice, matite e penne masticate.

Sulla prima, spesso, ci si appoggia di tutto, senza contare che a volte ci si mangia anche sopra, contribuendo così alla proliferazione di microorganismi; la seconda, è risultata molto sporca poiché utilizzata da numerose persone e non pulita con regolarità; per quel che riguarda invece matite e penne masticate, non è difficile intuire che l’umidità della saliva contribuisca a incrementare una maggiore crescita di germi.

Per evitare quindi di essere potenzialmente esposti al rischio del trasferimento di organismi infettivi per contatto mano-bocca è sempre bene pulire il posto di lavoro quotidianamente con detergenti igienizzanti, avendo cura di lavare spesso le mani.

Per visualizzare nel dettaglio tutti i dati e le foto dell’esperimento, cliccate qui!

Che dite dunque? Pensate ancora che la vostra scrivania sia pulita?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamo un po' di calcoli: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.