Lo stress fa imbiancare anche i cani

Uno studio rivela che lo stress fa imbiancare anche i cani prima del tempo. Vediamo insieme tutti i dettagli

Lo stress fa imbiancare anche i cani, secondo un articolo pubblicato su Applied Animal Behaviour Science . Non sono, quindi, solo le persone a imbiancare prima del tempo quando ci sono forti momenti di apprensione e preoccupazione, ma anche i nostri amici a quattro zampe. Soprattutto, quelli con un carattere fortemente impulsivo ed ansioso.Uno studio rivela che lo stress fa imbiancare anche i cani prima del tempo. Vediamo insieme tutti i dettagli

Come è stata svolta la ricerca?

L’etologa e veterinaria Camille King ha invitato 400 padroni di cani a compilare un questionario per valutare il comportamento e la predisposizione all’ansia e all’agitazione dei loro cuccioli. I cani presi in considerazione sono stati quelli tra 1 e 4 anni di età.

Con quali criteri si è valutata l’ansia dei cani?

Per stimare i livelli di ansia è stato chiesto se gli animali tendessero ad avere atteggiamenti distruttivi se lasciati da soli a casa, se si nascondessero alla vista di uno sconosciuto o se perdessero peli durante le visite dal veterinario. Per quel che concerne l’impulsività, invece, si sono valutati diversi fattori, alcuni dei quali sono: la facilità di calmare i cani, la loro capacità di concentrazione e l’iperattività anche dopo la passeggiata e lo svago.

E poi?

Successivamente, un altro gruppo di volontari ha esaminato le foto dei cani in questione, indicando con una scala da 0 (per nulla brizzolati) a 3 (del tutto grigi) il livello di peli bianchi.  I cani più suscettibili ai rumori o i più timorosi erano anche i più grigi e ciò non dipendeva dalla taglia. Inoltre è emerso come le femmine tendessero a imbiancare prima dei maschi.

Conclusione

Tenere monitorato il colore del musetto dei nostri giovani amici pelosetti, potrebbe essere molto utile per capire il loro stato psicologico e agire in modo tempestivo per cercare di intervenire e migliorare il loro comportamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamo un po' di calcoli: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.