Alcune cose che forse non sai su Van Gogh

Alcune cose che forse non sai su Vincent Van Gogh

Curiosità e misteri sul celeberrimo pittore olandese

Il 29 luglio 2015 si è celebrato il 125esimo anniversario dalla sua morte. Nel corso degli anni è sempre stato descritto come un artista geniale e al tempo stesso folle, ma è davvero questo tutto ciò che sappiamo sul suo conto?
Van Gogh iniziò a dipingere in età adulta, esattamente a 27 anni. Nonostante ciò, riuscì a recuperare “il tempo perso” con quasi 900 dipinti (in media due alla settimana) e 1100 disegni. La sua vita da pittore durò dieci anni, all’età di 37 anni, difatti, morì.

La sua produzione artistica…

… si concentrava per lo più di notte, diverse fonti, infatti, raccontano di un Van Gogh intento a dipingere con un cappello di paglia costellato di candele in piena notte. In ogni modo, per la vostra incolumità, è meglio non emulare il gesto a casa!
Il suo amore per la notte, comunque, è testimoniato dalle lettere che egli stesso scriveva al fratello Theo:

Spesso ho l’impressione che la notte sia molto più viva e riccamente colorata del giorno

E l’orecchio? Se lo tagliò veramente lui in un attimo di follia?

Due storici di Amburgo Rita Wildegans e Hans Kaufmann sostengono la tesi che in realtà l’artefice del tutto sia stato il suo amico pittore e coinquilino, Paul Gauguin e che Van Gogh lo coprì. In realtà, questa tesi è controversa e la ricostruzione dei fatti è tutt’ora incerta. Ciò che è certo, è che uno dei suoi dipinti più apprezzati al mondo, “Notte Stellata” fu realizzato dalla finestra di un ospedale di Saint Paul de Mausole in cui Vincent era ricoverato e che in vita sua vendette un solo quadro (tralasciando le opere regalate ad alcuni amici). Alla sua morte, tutti gli altri dipinti appartennero al fratello ed oggi conservati in gran parte ad Amsterdam, nel museo a lui intitolato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamo un po' di calcoli: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.