Le origini del pesce d’aprile: quando è nato e perché?

le origini del pesce d'aprile

Perché il primo di aprile si festeggia il pesce d’aprile? Scopriamo insieme le origini del pesce d’aprile

Le origini del pesce d’aprile sono remote e assai confuse. Tutt’oggi, in diversi paesi del mondo, il primo d’aprile è la giornata dedicata agli scherzi e alle burle, ma non è chiaro il motivo per cui lo si faccia.

Diverse sono, infatti, le teorie su questa tradizione, la più accreditata è quella secondo cui nella Francia del XVI il primo aprile era considerato giorno di Capodanno e per tale ragione, si era soliti scambiarsi dei pacchi regalo. Con l’avvento del calendario Gregoriano però il giorno di Capodanno fu spostato al primo gennaio e da qui sembra sia nata l’usanza di donare scherzosamente  pacchi regalo vuoti, durante il primo di aprile, in memoria di una festività ormai in disuso.

Ma c’è anche chi sostiene che le origini del pesce di aprile siano ancora più antiche e lo inquadra addirittura ai tempi di Cleopatra:  secondo alcune leggende, la regina d’Egitto avrebbe invitato Marco Antonio a una sessione di pesca sul Nilo, ma lei non solo non si sarebbe mai presentata, ma inviò al suo posto un alligatore finto.

Indipendentemente dalle varie teorie sull’origine del pesce d’aprile, numerose sono le testimonianze di scherzi documentati da giornali e tv nel corso degli anni e altrettanto varie sono le espressioni che si utilizzano per questa misteriosa tradizione, eccone alcune:

in Francia, così come in Italia, si utilizza l’espressione  “poisson d’avril” che tradotto letteralmente sta a significare appunto “Pesce d’aprile”. Nei paesi anglofoni invece il primo d’aprile viene nominato “April Fool’s Day” mentre in Germania “Aprilscherz” (scherzo d’aprile).

 

Se ti sei perso lo scherzo d’aprile di Cercamela, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamo un po' di calcoli: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.