Tutto quello che avete postato su Facebook diventa pubblico, BUFALA!

Tutto quello che avete postato su Facebook

In questi giorni sulle bacheche di Facebook c’è una maratona di copia-incolla di stati bufala: «tutto quello che avete postato diventa pubblico da domani»!Ma poi…a quale domani si riferiscono?

Ennesima bufala, ennesima catena di sant’Antonio. Eppure in molti ci sono cascati, condividendo sulle proprie bacheche il messaggio secondo cui Facebook starebbe cercando di violare la privacy dei propri utenti.

Il messaggio che ha diffuso il panico è il seguente:

Scadenza domani!!!
Tutto quello che avete postato diventa pubblico da domani. Anche i messaggi che sono stati eliminati o le foto non autorizzate. Non costa nulla per un semplice copia e incolla, meglio prevenire che curare. Canale 13 ha parlato del cambiamento nella normativa sulla privacy di Facebook.
Io non do facebook o qualsiasi entità associata a facebook il permesso di usare le mie immagini, informazioni, i messaggi o i post, passato e futuro. Con questa dichiarazione, do avviso a Facebook che è severamente vietato divulgare, copiare, distribuire, trasmettere o prendere qualsiasi altra azione contro di me sulla base di questo profilo e / o il suo contenuto. Il contenuto di questo profilo è privato e le informazioni riservate. La violazione della privacy può essere punita dalla legge (UCC 1-308-1 1 308-103 e lo statuto di Roma). Nota: Facebook è ora un’entità pubblica. Tutti i membri devono pubblicare una nota come questa. Se preferisci, puoi copiare e incollare questa versione. Se non pubblichi una dichiarazione almeno una volta, sara’ tatticamente permesso l’uso delle tue foto, così come le informazioni contenute negli aggiornamenti di stato di profilo. Non condivido. Copia e incolla per stare sul sicuro…Girate!!

Ebbene, se si vuole veramente proteggere la propria «privacy» occorre semplicemente andare nelle impostazioni del proprio account e disabilitare le voci indesiderate.

Perché come ha scritto la polizia postale sulla sua pagina Facebook “una vita da social”, copiando e incollando questo stato contribuirete solo a divulgare la solita ‪#‎catenadisantantonio‬.

Come comportarsi quindi quando si legge una catena di sant’Antonio?

L’atteggiamento giusto è quello di ignorare tutti i messaggi che fanno leva su messaggi allarmanti,  sul senso morale o sulla pietās nei casi, ad esempio, di appelli per gente malata o in difficoltà.

Se vi viene il dubbio che ci sia una sorta di verità in quello che state leggendo, digitate l’argomento di discussione sui motori di ricerca, se non trovate fonti attendibili, sappiate che si tratta ancora una volta di una bufala.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamo un po' di calcoli: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Grazie per la visita!

Basta un Like... per rimanere in contatto :)