Quando il caldo si fa duro, i duri incominciano a bagnarsi

Quando il caldo si fa duro, i duri incominciano a bagnarsi

Ecco alcuni consigli per evitare spiacevoli situazioni legate all’afa e al caldo eccessivo

È possibile contrastare il caldo eccessivo? Ebbene, la risposta è sì! Anche i giorni d’estate più duri possono essere contrastati seguendo delle semplici regole e mettendo in pratica dei comportamenti non dannosi per se stessi e per gli altri. Procediamo con calma e vediamo cosa fare quando l’estate incomincia a far mancare l’aria.

La prima regola d’oro, nella sua semplicità può sembrare banale, è quella di ricordarsi e ricordare ai nostri cari di bere. Il caldo ci fa, infatti, perdere parecchi sali minerali e per reintegrare i liquidi corporei persi con la sudorazione, occorre bere almeno 2 litri di acqua al giorno. L’acqua in questione non deve essere fredda o ghiacciata, poiché altrimenti si rischiano gravi congestioni, ma bisogna preferirla a temperatura fresca. Da evitare assolutamente sono le bevande alcoliche che contribuiscono alla disidratazione e quelle zuccherate, ricche di calorie e poco dissetanti.

La seconda regola è quella di non svolgere attività fisica dalle 11:00 alle 17:00, ovvero le ore più calde della giornata in quanto si potrebbe andare incontro a colpi di sole o di calore. Come riconoscerli?
Colpo di sole, ecco i segnali da non sottovalutare: malessere generale improvviso, febbre, rossore in viso, nausea e mal di testa.
Cosa fare? Far distendere la persona in un luogo fresco e ventilato, sollevandole le gambe e dandole da bere dell’acqua.
Cose da non fare: provocare raffreddamenti corporei rapidi, offrire da bere alcolici o somministrare acqua in caso di perdita di coscienza.
Colpo di calore: volto pallido o arrossato, aumento della temperatura corporea e della frequenza cardiaca con possibilità di perdita di coscienza.
Come intervenire? Anche in questo caso è opportuno portare la persona in luogo ventilato, se il viso è pallido farla sdraiare con le gambe sollevate mentre se il volto è arrossato occorre metterla in posizione semiseduta. In secondo luogo, è necessario raffreddare polsi, caviglie e collo con dell’acqua e liberare la persona dagli indumenti troppo stretti.

A proposito di indumenti, la terza regola d’oro per contrastare il caldo eccessivo è quella indossare indumenti di fibre naturali come, cotone e lino, di colore chiaro. Evitate di indossare vestiti in tessuti sintetici o aderenti che impediscono la traspirazione e creano arrossamenti e possono causare irritazioni cutanee. Ricordate, infine, di proteggere il capo con un cappellino e gli occhi con degli occhiali a lenti scure.

Ultima regola: non improvvisatevi medici ed evitate di assumere integratori senza prescrizione medica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Grazie per la visita!

Basta un Like... per rimanere in contatto :)