Perché la giornata della memoria? Per non dimenticare!

auschwitz-2

Milioni di persone uccise, maltrattate e rinchiuse in campi di concentramento: ecco il perché della giornata della memoria.

La giornata della memoria si celebra per ricordare le tantissime vittime dell’olocausto. È proprio il 27 febbraio 1945 quando l’esercito dell’armata russa sfonda i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz, scoprendo le barbarie dei nazisti e liberando i pochi prigionieri rimasti ancora in vita.
Da allora Auschwitz rappresenta il luogo simbolo delle discriminazioni. Discriminazioni nei confronti del «diverso», di coloro ritenuti colpevoli di essere ebrei, zingari, omosessuali o semplicemente dissidenti politici o religiosi.
Il giorno della memoria, pertanto, non serve soltanto per commemorare tutti i bambini, le donne, gli anziani e gli uomini assassinati brutalmente senza alcuna pietà in un’epoca che potrebbe apparire lontana. La giornata della memoria serve a ricordarci ancora oggi di non commettere né rimanere indifferenti di fronte a tutte le discriminazioni che ancora oggi esistono e persistono.
Ricordare, quindi, per non dimenticare il passato e per non commettere gli stessi errori-orrori né nel presente, né nel futuro.
Per cercare di comprendere quel che è stato, occorre capire che quel che riguarda gli altri, riguarda anche noi stessi. Che le scelte quotidiane hanno tutte un peso significativo sulle nostre coscienze. E che anche chi decide di non schierarsi o di non interessarsi è complice e, allo stesso tempo, colpevole.
Per non lasciare cadere tutto nell’oblio, ascoltate la testimonianza di chi l’olocausto l’ha vissuto sulla propria pelle e condividete il messaggio affinché il giorno della memoria non diventi la giornata della memoria corta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Grazie per la visita!

Basta un Like... per rimanere in contatto :)