Che cos’è il coronavirus? Perché si chiama covid-19?

Tutte le risposte alle vostre domande. Dopo aver letto questo articolo saprete che cos’è il coronavirus, perché viene chiamato covid-19 e molto altro ancora.

Che cos’è il coronavirus?
I coronovirus sono un’ampia famiglia di virus che causano malattie che vanno dal semplice raffreddore a malattie respiratorie ben più gravi. Prendono il nome di coronavirus in quanto al microscopio elettronico hanno un aspetto molto simile ad una corona.

Da dove viene il nome covid-19?
Il nuovo ceppo di coronavirus viene chiamato anche Covid-19. La ragione è semplice: “CO” sta ad indicare corona, “Vi”virus, “D”disease e 19 è l’anno in cui è stato scoperto.

Quanto è pericoloso il nuovo coronavirus?
Il nuovo coronavirus può provocare malattie respiratorie con sintomi lievi quali tosse, raffreddore, febbre, mal di gola, oppure si può manifestare con sintomi decisamente più forti come polmonite e difficoltà respiratorie. Ad ogni modo, circa l’80% delle persone colpite riesce a guarire dalla malattia senza particolari cure. Per quel che concerne le forme più gravi, le persone più suscettibili sono gli anziani e tutti coloro con un quadro clinico già abbastanza compromesso.

Come si trasmette il coronavirus?
Il virus viene trasmesso quando si è in stretto contatto con una persona malata e può essere diffuso attraverso:
– saliva
– starnuti
– tosse
– mani

Cosa bisogna fare per evitare di prendere il coronavirus?
Per proteggersi è necessario seguire le seguenti operazioni:

  • Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 30 secondi o con soluzioni alcoliche
  • Evitare di toccare naso, bocca,occhi con le mani sporche
  • Mantenere una distanza di 2 metri dalle persone, specialmente se starnutiscono o tossiscono in quanto il virus è contenuto nelle gocce di saliva.

Cosa fare se si presenta tosse, febbre e difficoltà respiratorie?
In questo caso occorre rimanere a casa e chiamare il proprio medico curante. Non bisogna assolutamente recarsi al pronto soccorso, ma qualora fosse necessario chiamare i numeri di emergenza 112 o 118.

Per ulteriori informazioni, visitate il sito del Ministero della Salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamo un po' di calcoli: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Grazie per la visita!

Basta un Like... per rimanere in contatto :)